Il numero da lei richiesto non è al momento raggiungibile.

Ciao,  volevo solo scriverti che per un po’ di tempo questo blog starà zitto. Ho bisogno di una sosta, mettere in ordine dei pezzi che un colpo di vento ha sparso sul pavimento. Ho bisogno di cercare un qualche equilibrio, chè sotto i piedi c’è qualcosa che frana. Non ti voglio annoiare né intristire con le spiegazioni del cosa e … Continua a leggere

Il signor B. e il libretto delle giustificazioni

Sono in un periodo così, di post lunghi. Che ci posso fare… …   Qualcuno assicura d’averla sentita, disorientata tra i commenti degli illustri ospiti (una per tutti: Pivetti, delle due la sorella attrice) o rauca qua e là  tra i fotogrammi confusi di certi tiggì. Dicono che, comunque, se la passi male, afona tra gli afoni, alla fine incantucciata … Continua a leggere

HappyBirthdayToBlog

Vi chiedo di lavorare forte d’ immaginazione. Le luci si abbassano.  3…2…1… FFFFFFFFFfffffffffff…. (soffio che spegne una candelina). Ed ora musica, sulle note della famosa melodia: “Taanti auguuuriii a teeee, taanti auguuuriii a teeee, tanti auguuuriii blogmiobeelloo, taanti auguuuriii aaa teeeeeee…”  Oggi questo blog compie un anno. Come tutti i bambini, ha tanta voglia di crescere. Grazie a chiunque sia … Continua a leggere

La tua? Tientela

Dopo essermi arrivate al timpano ed ancor più dentro, od all’occhio che le spedisce tramite quel milione di sue specifiche canaline, le notizie di tiggì o quotidiani proseguono nei miei tubicini interni fino a raggiungere un primo, provvisorio campo base nell’architettura del cervello. Se ne stanno lì, buone buone, quel tempo che basta per essere masticate, odorate, comprese. Qui – … Continua a leggere

Piccì

Ho il sospetto che il computer fosse seccato con me per qualcosa che non so. Sospetto anche che ora gli sia passata perché ogni cosa è tornata a marciare correttamente. Da qualche giorno – senza alcun motivo preciso – s’era bloccata la funzione “audio”, sicchè le canzoni, che pur si caricavano come sempre, poi non venivano trasmesse alle casse. Insomma, … Continua a leggere

Il signor B. ed il tempo che passa

Coscienza: “Luca, sei al lavoro. Lascia stare quel computer. Ehi, dico a te: smettila. Mica è orario di blog, questo. Giù…acc…giù le mani da internet”. Tarta: “Dai, un attimo. Gli scrivo appena ‘sta roba poi spengo. Davvero…ihihhhh”. Dice che il signor B. è sceso in campo solo per dare una bella pedata nel sedere alla giustizia, per fare una sonora … Continua a leggere

Il signor B. e le foto del mare

Il signor B. mi ricorda tanto quel tale che un giorno entrò in un bar gridando: “Champagne per tutti. Paga lui”. Con giovanile prontezza, nella stessa giornata – azzardo: nelle stesse ore – in cui l’Europa ci decretava ad un passo dalla stagnazione economia (c’è andata ancora bene: cos’avrebbe detto se avesse considerato la situazione culturale?), illo, accanto all’amico inglese, … Continua a leggere

E così scopro che …

… non capitano soltanto a me certe brumose giornate in cui attraversare il deserto in espadrillos potrebbe apparire immensamente più alla portata che trovare un argomento degno perlomeno di quattro striminzite righe di post. Buttarla sulla politica risulta la via di fuga più alla mano, perché siamo dove siamo e difficilmente si resta senza un nocciolo di questione che ti … Continua a leggere