(se dici) sedici

 

Quel pensiero che ora ti ronza per la testa, ricordi che qualcuno l’aveva già scritto, da qualche parte qualche giorno.

Capisci d’essere stato un po’ troppo assente dalla piazza internautica quando, di ritorno, trovi che certi tuoi contatti – pagine che frequentavi quotidianamente perchè ironiche, intelligenti, ben scritte – non ci sono più o sonnecchiano impolverati da mesi.

“Ma quanto tempo è passato dall’ultima volta che ho letto il blog di Tizio? Quanto dall’ultimo commento a Caio? Dov’è finita la pagina di Sempronio?” (Un saluto a quelli che, nei nostri tre: Tizio Caio e Sempronio, si sono riconosciuti).

Un tempo c’era una lista, una serie di pagine che giorno dopo giorno sfogliavi come tu avessi un appuntamento. Cliccavi su questo e quest’altro; rispondevi a quello e leggevi il commento di quell’altro. Anche Tartaluca aveva links, ed il mio blog era in contatto con il blog tuo, che era in contatto con quello suo. Così via, creando una sorta di “rete” incoraggiante, che dava impulso alla discussione, al confronto, alla voglia di leggere, scrivere e tenere acceso il cervello.

A distanza di due anni da questi fatti, mi rendo conto che le maglie di questa rete si sono così stancamente allargate da lasciar fuggire quei legami che s’erano creati. Li vedi vagare, i detti legami, al ritmo della corrente. Si lasciano trasportare, e quando si può si lancia un segnale, ma poca roba, è solo un attimo. Io compreso, fagocitato come sono (stato) da un bel giretto d’analisi, non ho speso una manciata dell’impegno di una volta a tirar fili, tener saldi i nodi.

La sensazione è che sia solo un puzzle lasciato in disordine sul tavolo. Basterebbe pazientemente ricomporne l’immagine, ridefinirne la forma.

Ieri come oggi, i tasselli per ridisegnare il mosaico ci sarebbero ancora tutti, anzi, più di prima: molti di voi scrivono, io scrivo; leggo leggiamo e ci leggiamo.

Allora, si fa rete?

(se dici) sediciultima modifica: 2009-12-20T16:01:21+01:00da latartaluca
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “(se dici) sedici

Lascia un commento